«Le regole sono il risultato dell’esperienza e vengono dopo, e scoprire le regole è più vitale che non applicarle»

J. Albers, “Art as Experience”, 1935

  1. L'Atelier è lo spazio di lavoro funzionale allo sviluppo della ricerca e delle attività formative che connotano l'indirizzo di Diploma in Decorazione. Gli spazi, i materiali e le attrezzature presenti in atelier, come previsto dall'art. 17 dello statuto dell'Accademia di Belle Arti di Venezia, sono affidati a un sistema di cogestione fra gli studenti che li utilizzano e i docenti responsabili. Gli studenti indicati dai docenti alla portineria possono quindi accedervi autonomamente nel corso della settimana dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 18, anche senza la presenza del docente (osservando rigorosamente le limitazioni previste nell'uso delle attrezzature e dei materiali).

  2. Ogni studente è tenuto concordare il piano di lavoro con il docente, comprese le attività in atelier. Anche se le presenze sono concordate, la frequenza ai workshop e ai seminari, ai progetti collettivi, alle verifiche e alle ordinarie attività didattiche programmate è da considerarsi obbligatoria.

  3. Ogni studente ha l'obbligo di:
    • partecipare alle attività didattiche in programma (sia relative ai progetti comuni che ai progetti individuali),
    • utilizzare lo spazio assegnato,
    • garantire l'ordine e la sicurezza del laboratorio con comportamenti adeguati,
    • garantire la percorribilità dell'atelier con particolare attenzione a non intralciare le vie di fuga utilizzate in caso di emergenza,
    • provvedere allo smontaggio e al riallestimento del posto di lavoro in caso di allestimenti temporanei o attività concordate e programmate,
    • partecipare alle attività seminariali,
    • partecipare ai progetti concordati,
    • aiutare i propri compagni nelle attività concordate.
    1. L'utilizzo dei materiali di consumo e delle attrezzature in dotazione alla Cattedra, compresi i computer, va concordato con il docente o con i tutor.

    2. Dopo aver utilizzato attrezzature o materiali è obbligo dello studente riporli negli armadi e lasciare il laboratorio in ordine al fine di garantire le migliori condizioni di lavoro e di sicurezza per tutti.
      In atelier ci sono recipienti per carta, plastica e materiali non riciclabili. Utilizziamoli!

    3. All'inizio di ogni anno verrà svolto un incontro nel corso del quale verranno fornite le principali informazioni sulla sicurezza nell'ambiente di lavoro e sull'utilizzo delle attrezzature e dei materiali in uso. In ogni caso vale quanto detto al punto 4. Alcune attrezzature possono essere utilizzate solo dal docente e verranno chiaramente segnalate nel corso dell'incontro.

    4. Le attrezzature non possono essere utilizzate al di fuori dell'atelier se non con un preciso accordo con il docente titolare che provvederà a comunicarlo all'amministrazione.

    5. Il corso prevede 12 crediti articolati in lavoro individuale dello studente, lavoro nei progetti comuni programmati, verifiche e colloqui, seminari e attività programmate. 

    6. I colloqui con il docente sono finalizzati alla crescita dello studente negli ambiti concordati sulla base di dichiarati obiettivi, in armonia con le specificità del corso di studio. Non sono la sede per definire e ridefinire accordi verbali sul processo da intraprendere, ma un laboratorio operativo dove verificare il lavoro svolto, al fine di armonizzare i metodi e le tecniche ai contenuti emersi nelle varie fasi di realizzazione. I colloqui non possono, quindi, aver luogo se lo studente non presenta materiali (disegni, elaborazioni, foto, etc.) che consentano la verifica.

    7. Ad ogni sessione di esame, sia di primo che di secondo livello, è richiesto un portfolio che raccolga l'attività di ricerca svolta dallo studente. Il materiale verrà trattenuto in archivio. Lo studente può realizzare il proprio portfolio on line o su supporto digitale, ma dovrà comunque consegnarne copia al docente.

Vai all'inizio della pagina