DECORAZIONE B

Accademia di Belle Arti di Venezia

Elaborare il lutto - Arte orfana della specie

Sulla decorazione


Elaborare il lutto – Arte orfana della specie affronta un ambito espressivo di difficile definizione: più che determinato, infatti, è solo evocato dal vocabolo "Decorazione" inteso nel suo senso comune; questa parola, come scrive Gombrich nel saggio Il Senso dell'Ordine - Studio sulla Psicologia dell'Arte Decorativa, "è […] divenuta un termine di gergo per alludere a un certo tipo di precedente e ha così perso quella connotazione precisa, qualunque fosse, che un tempo poteva rivestire. Fortunatamente è un errore pensare che quanto non si può definire non si possa neppure trattare. Se così fosse, non potremmo parlare né della vita né dell'arte".
Non potendo, dunque, determinare l'ambito della Decorazione contemporanea (ammettendo che ne esista uno), questo progetto espositivo va letto nel solo contesto della formazione artistica. Vogliamo trattare la Decorazione unicamente dal punto di vista, seppur privilegiato, di un atelier d’indirizzo, luogo deputato alla formazione di autori nel campo delle arti visive. Ma dato il carattere di una ricerca dai margini così sfumati e con specifici, nel complesso, così ampi, il nostro trattare non può che essere un "trarre-fuori", da un paesaggio che ci appare necessariamente in continua metamorfosi, qualche particolare che consenta un orientamento, seppur temporaneo. 

Se volessimo identificare, sul piano formativo, un elemento comune alla pratica, dovremmo affermare che la Decorazione è relazione, atto che ordina e manipola l'insieme delle parti, assumendo come tratto dell'opera anche il contesto che la rende manifesta sul piano fisico e teorico. Decorare significa relare cosa e cosa: in questo senso va inteso l'etimo decus (convenire, ordine). La relazione tra le parti, infatti, sovrintende ogni ordine possibile, sia che nell'uomo la capacità di riconoscerlo come tale, come ordine, sia innata, (come sostengono alcuni studiosi, primo tra tutti Popper), sia che questa venga acquisita attraverso l'adozione di precise norme culturali.   

Va da sé che la Decorazione non possa prevedere alcuna autonomia dall’ambiente entro il quale si manifesta o con il quale si collega e, nel contempo, non possa relarsi se non con quel che gli è esterno, altro. Questa dipendenza dal contesto ci consegna una pratica che non possiede, almeno sul piano teorico, l'autonomia propria dell'arte pura (ammettendo, nuovamente, che oggi ne esista una)

In termini formativi, quindi, l'unica possibilità di esistenza di questo fare è quella di rendere elemento fondante, qualitativamente inequivocabile e positivo, proprio il suo "dipendere". Per l'insegnamento della Decorazione la relazione è, dunque, il pilastro fondamentale sul quale edificare il processo didattico e creativo; tanto quanto lo è, per esempio, la superficie per la Pittura. 

Sul piano dell'approccio creativo del singolo studente, quanto detto finora comporta l'assenza di un elemento disciplinare comune. Un margine che aiuti ad avviare una pratica in grado di condurre all'eccellenza attraverso la ripetizione. La ricerca non può fondarsi su gesti isolati -per quanto esemplari-, ma su un atto che dichiari all’autore il seme della produzione e gli consenta di compiere il complesso dei gesti che costituirà la propria opera nel tempo. Il problema ha natura identitaria: "Siamo ciò che facciamo ripetutamente. L’eccellenza, quindi, non è un atto, ma un’abitudine", come ricorda Aristotele. E questa "abitudine", questa frequentazione continua del problema, è il fondamento stesso dell'atelier di indirizzo in un'Accademia. Il perché ce lo spiega un teologo statunitense, Bushnell, il quale compara le abitudini al sistema venoso e il sangue all'anima: l'abitudine al gesto costruisce, giorno dopo giorno, la struttura che consente un’espressione profonda, radicata e identitaria. Ma, come dicevamo, se uno studente di Pittura, avendo margini distinguibili entro i quali avviare il proprio lavoro, può partire dalla Pittura stessa, lo studente di Decorazione si ritrova completamente privo di questo gradino iniziale. Egli deve, necessariamente, elaborare il lutto derivante dalla consapevolezza della mancanza oggettivadi un ambito disciplinare definito, di una norma che "limiti" il fare comune in modo da consentirgli l'avvio. Il gesto dello studente di Decorazione si ritrova quindi orfano e deve, come sempre accade in questi casi, partire da se stesso. 

Su queste basi, immaginando un'esposizione che potesse porsi come un contributo sul senso -più che sulla definizione-  dell'insegnamento della Decorazione, abbiamo pensato di rendere evidente l’approccio al problema, lo smarrimento comune a tutti gli studenti che intraprendono questo particolare percorso di studio; uno smarrimento che coincide, come già detto, con una sorta di “danno collaterale” che accompagna sempre l’atto creativo edificato su questi principi di metodo. Da qui il titolo "Elaborare il Lutto" con la precisazione "Arte orfana della specie", arte orfana della disciplina pura, di un solo specifico. Non è un caso che, nel corso dei seminari che hanno introdotto questo progetto, si siano ripetuti i riferimenti storici e teorici alla contiguità tra l'atto del decorare e l'utopia (necessariamente perseguibile, anche se non attuabile) di un'arte totale. 

Per farlo abbiamo deciso di adottare il modello a cinque fasi dell’elaborazione del lutto, strutturato dal medico psichiatra Elisabeth Kubler Ross nel 1970. Esso descrive cinque momenti, cinque "reazioni" a un evento traumatico, a una perdita fisica o ideologica. Cinque fasi, appunto, non cronologiche o rigidamente sequenziali, ma che possono alternarsi o compenetrarsi nell'elaborazione: rifiuto, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione. A partire da questa griglia abbiamo cercato di verificare come ognuno dei giovani artisti coinvolti, sia studenti sia ex studenti del corso di Decorazione B, si sia posto nei confronti del problema della progettazione e della realizzazione della propria partecipazione alla mostra. 

Tornando sul piano della formazione, per concludere, va chiarito che l'elaborazione del lutto è da intendersi come una condizione irrinunciabile. Lo studente si ritrova in una situazione di conflitto che deve risolvere periodicamente. Da un lato la propria espressione si deve fondare su chiare scelte individuali, dall'altro la propria individualità resta ostaggio di una pratica troppo sfumata e confusa per poterla chiaramente inserire in uno specifico e non, genericamente, nell'arte stessa. Si ritrova in una condizione, direbbe Bateson, di “doppio vincolo”. Si tratta quindi di cambiare le proprie convinzioni e decidere che per sopravvivere si devono fondare regole nuove, ché anche le regole sono materia manipolabile. Decidere, insomma, che l'organicità dell'opera possa costituirsi anche al di là dei cancelli entro i quali tentiamo di rinchiudere, fortunatamente senza successo, quel che noi intendiamo come "arte". Alla luce di quanto detto e data l'assenza di un chiaro e univoco riferimento storico (evidente, invece, nelle discipline), la Decorazione si pone oggi come l'ambito di ricerca più affine all'atto creativo originario. Che questo fatto sia spesso inteso come licenza alla "libera espressione" è problema conseguente al disinteresse e all'impopolarità che accompagnano da sempre ogni complessità.  

 

Gaetano Mainenti

Chi è on line?

Abbiamo 62 ospiti e nessun utente online

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.